Le ultime settimane di gravidanza

Home | Mondo perinatale | Percorso Nascita | Le ultime settimane di gravidanza

Cosa succede nelle ultime settimane di gravidanza prima dell’inizio del travaglio? 

Come i frutti sull’albero, anche i bambini maturano e crescono dentro la nostra pancia secondo un processo di sviluppo che a volte è lento, altre veloce, alcune volte invisibile, altre ben riconoscibile  😉 . E’ probabile che anche tu, nelle ultime settimane di gravidanza, proverai gli effetti collaterali di questa “maturazione”, come stanchezza, difficoltà a dormire, spossatezza, e dolori vari.

La mela matura ad un certo punto si stacca dall’albero, così anche noi pazientemente (ma a volte anche no) aspettiamo la gravidanza arrivi al suo termine naturale ed il travaglio cominci (se ti va, leggi anche questi posts: sulla data presunta parto e su quanto sia importante non cedere ad un’induzione non necessaria).

Con l’intento di renderti più facile gestire i fastidi fisici e i pensieri ansiogeni che potresti sviluppare, eccoti un elenco di trasformazioni che succedono nel tuo corpo e in quello del tuo bambino:

  1. Lo sviluppo cerebrale fra 35 e 39 settimane è enorme: il peso del cervello di un feto di 35 settimane è 2/3 rispetto a quello di uno di 39-40 settimane; cervello feto gravidanza
  2. Maturazione dei polmoni del bambino, il quale si esercita alla respirazione;
  3. Le ghiandole mammarie producono colostro in quantità sufficiente per i primi giorni dopo la nascita;
  4. Il tuo utero ha delle contrazioni “preparatorie”, o di Braxton-Hicks, che di solito sono brevi (30-60 secondi), e si fermano se cambi posizione o ti rilassi, oppure smetti di fare ciò che stai facendo. Possono avvenire mentre fai esercizio fisico, quando starnutisci, ti spaventi o anche senza una ragione apparente;
  5. I tuoi legamenti ed articolazioni pelviche si allentano, grazie all’azione dell’ormone rilaxina e degli estrogeni (le dimensioni del tuo bacino e lo spazio pelvico infatti non sono statici, ma dinamici);
  6. Maggiore produzione di muco e cambiamenti delle pareti vaginali (elastiche e “gonfie”);
  7. Il bambino accumula grasso, sostanze nutritizie e ferro, che serviranno durante il parto e nel puerperio;
  8. Il bambino comincia ad essere in grado di autoregolare la temperatura corporea;
  9. Grosse molecole ora possono essere scambiate con il bambino, e dunque anche i tuoi anticorpi lo raggiungono, così che lui/lei sia immune alle malattie alle quali tu sei immune;

Queste trasformazioni sono parte di un meccanismo caratterizzato da una sincronia perfetta, ed avvengono nelle ultime 6-8 settimane prima del parto. Il cambiamento di una delle tre componenti di questo meccanismo (il bambino, l’utero e la placenta) determina effetti a cascata sugli altri due, al termine del quale, al parto, nasce un bambino sano, fisicamente maturo e perfettamente dotato per la vita.

Alla fine, a te non resta che avere pazienza, cercare di riposare, mantenere le tue energie, e fidarti del meccanismo naturale che il tuo corpo conosce, del quale sei protagonista ma che a volte ti rende, tuo malgrado, spettatrice.

Come dice John Kabat-Zinn, “non puoi opporti alle onde, ma puoi imparare a surfare”! 

[ricorda di andare dall’ostetrica o dal medico, qualora le tue sensazioni ti suggeriscano di farlo: ansia eccessiva, pensieri di cui non riesci a liberarti, e sintomi mai provati in gravidanza possono necessitare di un sostegno diverso e personalizzato]

affermazione positiva parto

Risorse utili

Dolore pelvico e disfunzioni della sinfisi pubica

Contrazioni di Braxton-Hicks e il finto travaglio

By | 2018-03-27T17:08:04+00:00 16 maggio 2016|Percorso Nascita|0 Commenti