Accompagnare alla nascita: la doula

Home | Mondo perinatale | Accompagnare alla nascita: la doula

Questa è stata la Settimana Mondiale della Doula e grazie all’invito di Carmen colgo questa ricorrenza per dedicare i miei pensieri alla mia professione: la Doula.  

Scegliere di fare la doula è un impulso, una forza magnetica che ti travolge e della quale non comprendi la forza finché non ti trovi nel suo cuore pulsante: davanti alla mamma che ti ha richiesto il sostegno.   Siamo tante ad aver intrapreso il percorso per diventare doula perché il pensiero di accompagnare emotivamente la donna che percorre la strada della nascita ti fa sentire importante quanto la nascita in sé, ma la verità è che la nascita è cosi travolgente che i confini scompaiono e il senso di smarrimento è forte.

Stare vicino ad una mamma non ti porta la soddisfazione del lavoro ben fatto che ti può dare un’opera d’arte venduta, o un palazzo costruito, o un fondo finanziario che rende positivamente.   Stare vicino alle mamme vuol dire arrendersi insieme a loro e farsi travolgere sostenute solo dalla propria esperienza e la convinzione che la tua mano è forte per la mamma per cui ti sei messa in gioco.  Lo spiraglio di soddisfazione personale della Doula arriva forse anni dopo, quando incontri la madre del bambino all’elementare che ti guarda con un sorriso è ti dice che sei stata importante.  Non è mai nel durante.  Il tempo delle mamme è il tempo del neonato, è eterno e la loro strada è appena cominciata.

Ogni pianto notturno, condiviso in silenzio o nel rumore di un lungo abbraccio di incoraggiamento lascia anche nella doula un segno.  Siamo qui per questo, per entrare nella tormenta con loro.  Ci sono tante professioni che si mettono al servizio delle donne, di tanti generi: sanitarie, olistiche, psicologia, ostetricia, puericultura…  La doula è particolare perché il suo servizio risiede nel sostare insieme, con la mancanza di certezza che ciò comporta.  Noi non siamo lì per indicare una strada, non siamo lì per guidare, siamo lì per camminare insieme mano nella mano.  Conosciamo la strada perché l’abbiamo percorsa diverse volte, e abbiamo studiato tanto la mappa, ma noi non camminiamo davanti, è la donna con il suo neonato che sceglie quale sentiero prendere e quando cambiare rotta o fermarsi a riposare.  E noi stiamo con lei e ci confrontiamo sulla fatica di ogni passo e la bellezza del paesaggio.  

La nascita comporta spesso di provare un senso di smarrimento, e lì, noi, senza indicare la direzione dobbiamo avere la forza di agire con fiducia.  Credere con il cuore che ogni mamma vedrà, magari anche grazie alla forza che trae dal nostro sguardo fiducioso, la strada giusta per sè da percorrere. 

Con la fine della settimana della Doula, vorrei ringraziare ognuna delle mie clienti, perché loro mi hanno aiutato a credere ancora con più forza nelle mamme che incontrerò.  Perché con ogni mamma che ho accompagnato, ho vissuto momenti di incertezza.  Le mie mamme che abbracciavo all’uscita dell’ospedale dopo che avevano visitato il proprio bimbo in TIN.  Ogni volta che dopo aver finito di allattare un gemello, le passavo l’altro.  Ogni volta che stavo lì a sostenere il tiralatte per liberare le mani sempre occupate.  Quando ho dovuto abbracciarle perché era arrivata una diagnosi che non ci voleva, quando la paura ci fa piangere. Ogni volta che chiudevo la porta della stanza mentre incrociavo le dita perché la nanna di questa volta permettesse alla mamma di dormire magari un’oretta.  Ogni volta che le sento raccontare il loro parto con orgoglio o che ho asciugato le lacrime per la vita che non fu.  Ogni volta mi hanno dimostrato che la forza di una mamma è infinita.  Ogni volta si sono rialzate e il loro amore, anche dopo i momenti bui, splende con una forza che illumina sentieri.   Io c’ero e sono privilegiata per questo. 

Questo messaggio è dedicato alle mamme che mi hanno permesso di accompagnarle in passato perché grazie a loro posso dire alle mamme che verranno che io ci sono e che andrà tutto bene, come deve essere e che loro saranno perfette.

Doula Olga Lucia Rey

 

Facebook –  Sito web

Olga ha fondato l’Associazione  Dou La La, che trova spazio presso Habitat Mamma, a Scanzorosciate (Bergamo)

 

By | 2019-03-29T09:50:39+00:00 29 marzo 2019|Guest post, Mondo perinatale|0 Commenti