L’adrenalina, Wonder Woman del parto

Home | Mondo perinatale | L’adrenalina, Wonder Woman del parto

Conosci l’adrenalina? 

L’adrenalina ti salva la vita, ti mette in guardia verso i pericoli immediati. Me la immagino come Wonder Woman: bella, forte, algida e tutta d’un pezzo. Ti fa sentire vivo e pieno di energia quando sali sulle montagne russe. L’adrenalina ti fa paura, e non è piacevole, quando sei alla guida e un gatto ti attraversa la strada, oppure quando qualcuno ti fa uno scherzo ed esce di soppiatto da un angolo urlando “Bù!”.

L’adrenalina a volte è arrogante ed egoista. Le piace stare al centro dell’attenzione, trova pericoli ovunque, ti mette in agitazione e sotto stress, prendendosi tutte le tue energie, fisiche e mentali. Non ti fa pensare ad altro che a lei. Finisce che non puoi fare più nulla. Se ne va solo quando finalmente il pericolo (vero o immaginario) è passato.

L’adrenalina può alterare il lavoro del tuo corpo in travaglio e parto, ostacolando quello fondamentale dell’ossitocina. 

parto frasiPer un parto tranquillo, sicuro e naturale, hai infatti bisogno di tanta ossitocina, un’overdose di ossitocina. L’ossitocina, prodotta a onde, guida il travaglio, la nascita e anche l’allattamento. E’ l’ormone dell’amore, del senso di sicurezza e intimità; è l’ormone timido, che non ama sentirsi osservato, preferisce il silenzio, la calma, i luoghi familiari e sicuri. Rispetto all’adrenalina, è molto più riservata, dolce e amorevole. 

Purtroppo Adrenalina e Ossitocina non vanno d’accordo: quando compare l’una, l’altra si ritrae offesa.

Quando, durante il parto, il tuo corpo produce adrenalina, infatti, la produzione di ossitocina diminuisce drasticamente. E’ un meccanismo adattivo meraviglioso, che consente a noi, come al resto dei Mammiferi, di interrompere qualsiasi funzione fisiologica, anche il travaglio, per fuggire da un pericoloso predatore, o per combatterlo. Fico, no?

Cosa succede fisiologicamente quando viene rilasciata adrenalina nel corpo? Il flusso del sangue viene diretto verso le estremità (che ci servono al massimo della loro forza, nella reazione di fuga o difesa), con una riduzione importante dell’afflusso di ossigeno all’utero, dove si sta compiendo un lavoro importantissimo: dare vita al tuo bambino.

L’utero, che ha bisogno, come ogni altro muscolo, di sangue e ossigeno per lavorare in maniera efficiente, tutto ad un tratto si trova sprovvisto di energia. Si accumula acido lattico, le onde di ossitocina diventano inefficienti, più lunghe e dolorose. L’effetto finale di queste onde sul bambino è che anche lui/lei ha meno ossigeno per recuperare tra un’onda e l’altra, e maggiore è la probabilità di alterazioni non rassicuranti del battito cardiaco, in una parola, maggiore la probabilità di stress fetale e di un conseguente parto strumentale

L’adrenalina inoltre riduce indirettamente la produzione di endorfine, le morfine endogene che ti anestetizzano e rendono il parto più piacevole e in alcuni casi non doloroso.

Conoscere la fisiologia della nascita e prepararsi ad utilizzarla a tuo vantaggio, con l’aiuto del tuo partner, è condizione necessaria per un’esperienza di parto positiva e soddisfacente. Molte donne sanno istintivamente cosa fare, altre hanno bisogno di riconnettersi piano piano con il proprio corpo e il proprio intuito.

Sapere come funziona il tuo corpo è fondamentale, ma non basta. E’ un buon punto di partenza, poi devi cercare professionisti che ti aiutino nel tuo percorso e corsi preparto per mettere in pratica la tua conoscenza e allenare mente e corpo con consapevolezza.

Una come la Wonder Woman, l’adrenalina, per la maggior parte del travaglio è fuori luogo. Essa assume un ruolo importante verso la fine del parto, fornendo alla mamma un’iniezione di energia extra, che la rende cosciente e attiva nel far nascere il proprio bambino. In condizioni normali, aiuta nella fase espulsiva e nel creare le condizioni migliori per l’allattamento e per creare un forte legame di attaccamento con il tuo bambino. 

Insomma, il messaggio è: per fare che la tua Wonder Woman, l’adrenalina, faccia il suo ingresso trionfale, devi prima accogliere l’amorevole e dolce Ossitocina durante tutto il tuo travaglio. 

adrenalina ossitocina

 

Note:

Forse ti potrebbero interessare altri post che ho scritto su questo tema:

Partorire è questione di intimità (dove parlo di ossitocina e anche di endorfine),

Per una nascita istintiva (dove parlo della parte del cervello che ci aiuta a partorire e di quella che ci ostacola),

Dieci metodi provati per evitare il cesareo (post molto pratico che ti aiuta anche a formulare acune domande da fare al tuo team del parto, medici e/o ostetriche in preparazione del grande evento),

La percezione del dolore al parto (come ridurre la paura e le altre sensazioni che alterano la percezione del dolore).

By | 2018-03-27T17:08:03+00:00 4 luglio 2016|Mondo perinatale, Percorso Nascita|2 Comments